myWorld si ritira dal business delle start-up: EyeTime è stata venduta?

myWorld ha recentemente dichiarato alla stampa:

“Possiamo confermare che ci stiamo ritirando da settori come eventi, pubblicità, media e startup con il cuore pesante; non continueremo a gestire tutte quelle aziende che non sono direttamente legate al core business “Cashback World”. La maggior parte delle aziende potrebbe essere trasferita al rispettivo management team, una parte sarà venduta”.

Anche “Eyetime”, che era stato presentato come l’alternativa a Facebook e Instagram, Whatsapp ecc., risulterebbe sul tavolo delle trattative.

Il brand EyeTime non è più menzionata, sui siti ufficiali, tra i marchi controllati da myWorld, e secondo l’estratto del registro delle imprese, l’azienda che lo gestiva sarebbe inattiva.

Anche il sito Eyetime.com annuncia la “temporanea “indisponibilità.

360 Innovation Lab GmbH” e “360 Ventures GmbH” sono state poste in liquidazione, così come è stato chiuso lo spazio di coworking a San Francisco, che faceva parte del gruppo.

Continua a risuonare nelle nostre orecchie il modo in cui Andreas Matuska aveva presentato proprio queste aziende come “di grande successo” nei suoi webinar di maggio/giugno 2020.

Secondo la dirigenza, la Covid-19 è di certo responsabile di tutto, compresa la distribuzione delle provvigioni derivanti dai cloud, come si può leggere su questo sito (in tedesco).

Traduzione dell’articolo.

myWorld si ritira dall’attività di start-up, Graz Accelerator 360 Lab chiude!

Stabilire nuovi standard, rompere gli schemi di pensiero familiari e intraprendere nuovi percorsi innovativi nello sviluppo di idee, prodotti e modelli di business – questo era l’obiettivo del 360 Lab Innovation Group, che comprende un acceleratore di start-up a Graz e un piccolo capitale di rischio investito sotto il nome di “360 Ventures”.

Ma non succederà nulla.

Circa due anni dopo il promettente avvio, sia 360 Innovation Lab GmbH che 360 Ventures GmbH saranno liquidate.

Per entrambe le società, la decisione di chiuderle è stata presa ad agosto e settembre 2020.

Circa 20 persone hanno lavorato a Graz per l’Accelerator, che ha messo sotto le sue ali diverse start-up in diverse tornate di finanziamento.

Erano stati pianificati anche gli investimenti.

Il 360 Lab era sotto osservazione criticam anche nel settore delle start-up.

Dopo tutto, dietro l’Accelerator, che voleva investire in giovani aziende, c’era il gruppo ampiamente ramificato di aziende noto come myWorld, incentrato su Hubert Freidl, in precedenza meglio conosciuto come Lyoness, che si era rinominato dopo le cause legali e i divieti intorno alla sua comunità di sconti.

[…]

Anche lo spazio di coworking a San Francisco, che faceva parte del gruppo, è stato chiuso.

“L’OFS 360 Lab ha servito le start-up e le aziende consolidate principalmente come spazio di coworking per fare rete e per avviare insieme progetti innovativi.

A causa della crisi del Corona, questo polo di innovazione ha dovuto chiudere i battenti.

Pertanto, è stato purtroppo inevitabile liquidare anche questa società”, continua. “Al contrario, il CodeLab di Varsavia rimarrà parte del Gruppo myWorld”.

“Una squadra buona e motivata”

La 360 Lab ha investito anche nella startup viennese dei “byte heroes”, meglio conosciuti come “Herosphere”, che hanno cercato di collegare i token basati su blockchain con le scommesse sugli e-sport.

Si è deciso di abbandonare anche questa società.

360 Lab deteneva ancora una partecipazione dell’8,3% nella startup.

Ma la fine di 360 Lab non ha nulla a che fare con questo.

“Per noi, la collaborazione ha funzionato bene, avevano un team buono e motivato che ci ha aiutato molto”, dice il co-fondatore di byte-heroes Paul Polterauer a Trending Topics.

Al momento non può e non vuole dire nulla sul futuro della sua azienda.

Secondo myWorld, al momento si sta lavorando ad un accordo di cessione con altri investitori.

C’è un altro investimento in ballo: 360 Innovation Lab GmbH aveva anche una partecipazione del 25% nella Kapun GmbH.

“Le azioni di Kapun GmbH saranno trasferite all’interno del gruppo”, affermano.

Come è ovvio, anche le provvigioni derivanti dai progetti myWorld Travel, myWorld Market Place e CashbackWorld, secondo i venditori di Lyconet, sono interessati da questo problema.

Peccato che gli anticipi versati nello schema piramidale vengano effettuati immediatamente e senza ritardi.

clicca qui per richiedere il rimborso Lyconet

Click Here to Leave a Comment Below 0 comments