Il 25 febbraio 2020, Lyconet in Austria dovrà difendersi in tribunale dall’accusa di schema piramidale.

Mentre in Italia si attende il processo al TAR, continuano i guai di Lyconet in Austria. Ricordiamo che i tribunali amministrativi e civili hanno già riconosciuto la natura di schema piramidale di Lyconet in Paesi come Svizzera e Austria, dove l’azienda possiede sedi legali e amministrative, e in Norvegia, dove è stata già bandita dalle autorità nazionali.

clicca qui per richiedere il rimborso Lyconet

Il 25 febbraio 2020, Lyconet dovrà presentarsi davanti ad un giudice del tribunale commerciale di Vienna, in merito al procedimento 11 Cg 75 / 16s-54 che la vede imputata con l’accusa di schema piramidale.

A rappresentare Lyconet sarà chiamata la signora Claudia Statthaler, moglie di Mario Kapun, il “grande capo” a cui fa riferimento tutta la rete di distributori indipendenti Lyconet/myWorld/Lyoness.

Ricordiamo che in Austria ha perso già un centinaio di cause, ed è stata più volte condannata a rimborsare gli ex marketer. In questo articolo trovi le varie sentenze contro Lyconet in Austria.

Se vuoi saperne di più sugli ultimi aggiornamenti, leggi: Luci e ombre di Lyoness: truffa o opportunità di guadagno?

[fonte: BEKM]

 

 

Click Here to Leave a Comment Below 0 comments