Perché InCruises e gli altri network di viaggi sono illegali in Italia.

Le 4 ragioni per cui tutti i “club di viaggi” come InCruises, iBuumerang, WorldVentures e MWR Life sono illegali in Italia, e potenziali Schemi Piramidali.

Ti hanno proposto un “Club di Viaggi”, come InCruises, iBuumerang, WorldVentures o MWR Life, ma non sai se puoi fidarti?

Oggi ti spiegherò le 6 ragioni per cui tutti i network stranieri che ti offrono sconti sui viaggi, come InCruises, iBuumerang, WorldVentures e MWR Life sono illegali in Italia, e potenziali Schemi Ponzi.

(Vale lo stesso anche per Nexyiu Travel).

Prima di tutto, ti basterebbe fare una semplice domanda:

“Qual è il vostro Fondo di Garanzia Viaggi?”.

Se chi ti sta provando a reclutare, non sa la risposta, o addirittura ignora cosa sia un “Fondo di Garanzia Viaggi”, fuggi a gambe levate.

Tra poco ti spiegherò il perchè.

Le regole del settore viaggi.

Il settore viaggi, in tutta Europa e non solo in Italia, è tra i più blindati e sotto l’occhio vigile delle  Autorità, per due semplici ragioni.

Se ti trovi all’Estero, e l’agenzia di viaggi che ti ha venduto il pacchetto fallisce, rischi di restare a terra…

Come capitato di recente ai clienti di Thomas Cook, che ha bloccato all’estero oltre 600mila turisti:

A parte i fallimenti (a causa del Covid, oltre il 705 delle agenzie di viaggi rischiano la chiusura), le truffe nel settore sono facili e frequenti.

Per fronteggiare questo problema, il Legislatore Europeo con la Direttiva 90/314/CEE ha introdotto nuove regole molto dettagliate su tutto ciò che riguarda il mondo dei viaggi, con speciale riferimento ai pacchetti turistici.

Tra queste non mancano i diritti e doveri legati all’insolvenza o al fallimento del venditore.

La normativa è valida anche in Italia: il Governo l’ha recepita col D.L. n. 62 del 21 maggio 2018.

Le nuove regole sono entrate in vigore dal 1° Luglio 2018.

Visti gli aggiornamenti importanti, il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) e UnionCamere hanno realizzato una campagna informativa sui Diritti e Doveri dei Viaggiatori che trova il suo principale canale nel sito web ufficiale.

Tra i diversi argomenti trattati, anche il Fondo di Garanzia per le agenzie di viaggio, una novità di estrema importanza da conoscere prima di partire per le vacanze.

Cosa è il Fondo di Garanzia Viaggi?

Dal 1° luglio 2018 i viaggiatori hanno più tutele soprattutto in caso di insolvenza o fallimento dell’organizzatore o fornitore del viaggio.

Se si verificano questi due casi, i venditori sono comunque obbligati a rimborsare i propri clienti con la tariffa versata per l’acquisto di un servizio o prodotto.

Inoltre, devono garantire il rimpatrio immediato nel caso in cui, all’interno del contratto, fosse previsto anche il trasporto (Fonte: SiViaggia.it).

Esistono molti modi per rispettare tale obbligo, uno di questi è quello di istituire un Fondo di Garanzia che permetta al professionista di ripagare il proprio cliente senza difficoltà.

Quindi, se vuoi sapere se il network di viaggi che ti hanno proposto è legalmente autorizzato ad operare in Europa….

Oltre a chiedere le eventuali licenze, ti basta chiedere una copia del documento che certifichi la loro adesione al Fondo di Garanzia Viaggi, o ad un fondo equivalente.

(Se sei residente in Italia, l’azienda deve essere iscritta in Italia).

Ma entriamo nel dettaglio.

Le 4 regole dei “Club di Viaggi” che devi conoscere.

Prima Regola: Iscrizione in Italia come “Network”.

È obbligatorio che il tuo network, l’azienda, sia iscritta alla Camera di Commercio con codice ATECO 47.99.1.

“47.99.1 Commercio al dettaglio di prodotti vari, mediante l’intervento di un dimostratore o di un incaricato alla vendita (porta a porta)”.

I Promoter che operano nella vendita devono sottoscrivere una lettera d’incarico che definisce la loro posizione e che rispetta le condizioni della legge 173/2005.

Tutti gli incaricati alle Vendite devono inoltre possedere un tesserino di riconoscimento emesso dalla Azienda e rinnovato ad ogni anno.

Queste sono tre caratteristiche (Iscrizione alla camera di commercio, lettera di incarico e tesserino) che mancano del tutto all’azienda InCruises, così come mancano a iBuumerang, WorldVentures e MWR Life.

Per operare nel settore viaggi in Europa, e in Italia, un’azienda di network, oltre agli adempimenti precedenti, deve anche possedere i seguenti requisiti :

Seconda regola: Licenza nel settore viaggi, in Italia.

Occorre ottenere una licenza come agenzia di viaggio e come tour operator. In Italia. Per ottenere la Licenza è richiesto di avere una sede operativa nel territorio nazionale, precisamente una sede fisica. Non puoi usare una licenza valida negli USA, e nemmeno una valida in Francia. Deve essere italiana, e devi avere sede in Italia.

InCruises, iBuumerang, WorldVentures e MWR Life non hanno nessuna licenza di questo tipo in Italia. Né hanno sede in Italia.

Terza regola: Fondo di Garanzia.

Occorre aderire ad un fondo di garanzia che tutela tutti i clienti viaggiatori da eventuale fallimento o insolvenza dei soggetti operanti in tutta la filiera turistica.

Il fondo di garanzia è un’assicurazione che si può ottenere solo falle agenzie autorizzate, e per ottenerlo si deve passare una valutazione di credibilità dell’azienda.

InCruises, MRW Life, iBuumerang, WorldVentures e simili, sono tutte illegali in Italia, perchè non hanno questo fondo di garanzia.

A tal proposito vale l’articolo 50 comma 2 del Decreto Legge n°79 del 23/5/2011 (codice del turismo) entrato in vigore dal 1° Luglio 2016, in concomitanza con la cessazione del Fondo Nazionale di Garanzia Governativo.

InCruises, iBuumerang, WorldVentures e MWR Life non hanno aderito a nessun fondo di garanzia.

Quarta regola: il direttore tecnico italiano.

Occorre nominare un Direttore Tecnico, italiano, e qualificato nel settore, nominato secondo articolo 20, D.Lgs. 79/2011.

Esiste un apposito Albo, registrato al Ministero, su cui dovrà essere presente il nome di questo direttore tecnico italiano.

InCruises, iBuumerang, WorldVentures e MWR Life non hanno nominato nessuna figura di questo tipo.

(Sulla Gazzetta Ufficiale è tutto spiegato in maniera cristallina)

Quindi, da questo punto di vista, mancando di tutti i requisiti necessari per operare, possiamo dire senza timore di smentita, che InCruises, iBuumerang, WorldVentures e MWR Life sono illegali in Italia.

Se qualcuno di InCruises, iBuumerang, WorldVentures, o MWR Life vuole rispondere alle stesse domande, per la loro azienda, sarò felice di rettificare.

Fino ad allora, ribadisco:

I network di viaggi sopra menzionati sono tutte aziende illegali in Italia.

E probabili schemi piramidali fatti e finiti.

La risposta di MWR Life…

Abbiamo ricevuto questa mail di risposta, che commentiamo:

Falso!

MRW Life ci tiene a specificare che loro sono legali in South Dakota, e riportano un sito del Governo.

Peccato che siamo in Italia, e in Europa, esattamente dalla parte opposta dell’Oceano, e le loro leggi non valgano.

Grazie per aver confermato di stare operando con una licenza americana, che non è valida nè in Europa, nè in Italia.

Faccio notare che la frase:

“The difference between a pyramid scheme and a lawful MLM program is that there is no real product that is sold in a pyramid scheme”

…è una fesseria, tipica di chi vende schemi piramidali.

Significa:

“La differenza tra uno schema piramidale e un programma MLM legale è che non c’è un prodotto reale che viene venduto in uno schema piramidale”…

Ed è falsa! La differenza non è affatto questa.

In realtà, si può benissimo portare avanti uno Schema Piramidale vendendo prodotti e servizi, secondo la normativa Italiana.

Ne sono prova Juice Plus, Organo Gold, Vemma, Asea: tutte con prodotti, e tutte sanzionate per schema piramidale in Italia.

Anche Lyconet ha un “prodotto”, ma ciò non gli impedisce di fregare i gonzi.

Per giunta, che “prodotti” venderebbe Mrw Life? Buoni sconto? E’ ciò che faceva Lyconet, anch’essa sanzionata in Italia per schema pitamidale. Due volte.

Altro fatto un po’ torbido.

In Francia MRW Life ha una sede come TRAVEL ADVANTAGE SAS, che è registrata come agenzia di viaggio.

Perché in Italia no?

Perché agli affiliati italiani dicono di non avere bisogno delle licenze, perchè non sono un’agenzia di viaggio, ma un club, se in Francia hanno la licenza francese e non usano quella americana?

Per giunta dicono di non aver bisogno delle licenze come network, sempre perchè sono un club.

Ma questo è falso.

Lo stesso vale per InCruises, iBuumerang, e simile pattume.

Dicono di non aver bisogno di licenze per operare in Europa, ma in USA sono tutte registrate come agenzie di viaggio, altrimenti le farebbero chiudere anche lì.

Va bene che l’Italia è la Repubblica delle Bannane, ma le leggi ci sono.

Anche se spesso ignorate.

La risposta di InCruises…

Siamo stati contattati dal loro “Territory Director Project Manager”, Jonathan Iñesta, secondo il quale abbiamo scritto:

“un articolo / scritto con un’immagine che fa riferimento negativo con informazioni errate / imprecise / diffamatorie”.

Gli ho risposto che sono disposto a rettificare l’articolo, nel momento stesso in cui riusciranno a fornirmi i documenti richiesti per operare legalmente in Europa e in Italia, come venditore di viaggi regolare, visto che, come da loro sito:

INCRUISES LLC è un venditore di viaggi registrato in California, Florida, Iowa, Hawaii, Washington e Virginia, ai sensi delle leggi vigenti in materia di venditori di viaggi in ciascuno Stato.

Non in Italia. Non in Europa.

Eppure, il loro sito istituzionale è tradotto in molte lingue europee. Compreso l’Italiano. Strano, eh?

Sono passati mesi, ma non hanno più risposto alla mia e-mail, quindi niente documenti. Peccato!

A proposito di WorldVentures…

Conosciuta anche come DreamTrips, è stata condannata nel 2015 come SCHEMA PIRAMIDALE in Norvegia.

Nel 2016 e nel 2018, ha fatto causa al Ministero della Cultura (lo stesso che ha condannato Lyoness per la stessa accusa), due volte, ed ha perso entrambe le cause.

Quindi ancora oggi è illegale in Norvegia.

In USA, a maggio è stata avviata una class action contro l’azienda per… SCHEMA PIRAMIDALE.

E di recente, l’azienda ha annunciato la bancarotta, dopo un anno di mancati pagamenti di provvigioni ai propri Promoter. Strano, vero?

In conclusione.

Da ciò, deriva che “Club di Viaggi” come, ad esempio, WorldVentures, InCruises, o iBuumerang, siano ILLEGALI in Europa, e anche in Italia.

Ti consiglio di stare attento, perchè in caso si finisca in tribunale, la tua “vittima” potrebbe benissimo rivalersi su di te, per esercizio abusivo della professione di agente di viaggio, e frode.

E sai benissimo come la gente se la prenda particolarmente a male, quando gli rovini le vacanze.

I network nei viaggi non hanno mai funzionato per una ragione.

Esiste sempre un portale online come Bookinf, che avendo miliardi di liquidità in cassa, può farti sempre un prezzo migliore rispetto a qualunque altro concorrente nel mondo.

Quindi, per essere attraente, uno schema piramidale travestito da Club di Viaggi deve puntare sul pubblicizzare l’opportunità, per acchiappare gonzi.

E un’opportunità che sia più attraente delle altre, ha margini sempre da Schema Piramidale.

Cioè, tu guadagni solo se recluti altre vittime che investono andando in perdita, e che possono recuperare il loro denaro solo reclutando altri gonzi.

E il gioco regge finché si riescono a tirare dentro altre vittime. Ma appena il numero di vittime reclutate crolla, magari a causa di una pandemia come questa, ecco che la truffa viene a galla.

E piramidi come WorldVentures sono costrette a calare le braghe.

Networker Avvisato, Mezzo Salvato.

Potrebbero interessarti?
No related posts for this content
Click Here to Leave a Comment Below 0 comments